martedì 23 dicembre 2014

Tre motivi per scegliere un portafoglio in pelle

Un portafoglio in pelle del brand "il Kuoio"
Un portafoglio in pelle de "il Kuoio"
Se c'è un elemento che non deve mai mancare prima di scendere di casa (soprattutto fra gli uomini), quello è il portafoglio. A tal proposito, c'è un'ampia possibilità di scelta al riguardo che, ormai, sembra soddisfare qualsiasi esigenza. Ma come scegliere quello più adatto alle proprie caratteristiche? Perché desiderare l'uno all'altro? Fra i tanti portafogli disponibili sul mercato, perché sceglierne uno in pelle? Eccovi tre motivi al riguardo:


Tre ragioni per scegliere un portafoglio in pelle

1) Design esclusivo. Spesso i portafogli in pelle sono unici nel loro genere e hanno uno stile inconfondibile. Sono signorili ed eleganti. Adatti per poter fare bella figura in ambienti formali ed informali.

2) Qualità. Se si utilizzano semilavorati di qualità, come quelli del brand "il Kuoio", il portafoglio in pelle potrà durare mesi ed anni senza subire danneggiamenti evidenti e dover spendere continuamente soldi per poter acquistarne di nuovi.

3) Praticità. Possono contenere carte di credito, documenti etc... risultando non ingombranti e, quindi, non occupano spazio eccessivo nelle borse e nelle tasche. Praticamente perfetti.


Siete alla ricerca di un portafoglio in pelle? "Il Kuoio" attraverso punti vendita in tutta Italia fornisce varie tipologie di portafogli in pelle, oltre ad essere rivenditore di "Ogon Designs".


--- Seguici su Facebook e Twitter ---

lunedì 15 dicembre 2014

Cinture in pelle, quali scegliere

esempi di cinture in pelle de il Kuoio
Cinture in pelle de "Il Kuoio"
Le cinture in pelle oggi non sono più soltanto uno strumento funzionale ma sono diventate parte integrante del proprio vestiario dal punto di vista estetico. Non a caso, spesso, anche quando i pantaloni calzano a pennello, la cintura viene indossata lo stesso. Ma in base a quali criteri si sceglie una cintura in pelle?

La cintura martellata con strass di metallo è ideale per chi decide di essere un po' trasgressivi poiché si abbina perfettamente con una mini gonna nera e stivali con tacco. In ambienti più eleganti, come il teatro, è meglio indossare una cintura in pelle molto sottile che dispone di una fibbia in ottone. Se avete fianchi un po' larghi, una cintura in pelle a fascia morbida può nasconderne i punti critici.

Se desiderate anche voi una cintura in pelle, siete nel posto giusto. "Il Kuoio", brand che si occupa di pelletteria dal 1979 con rivenditori in tutta Italia, propone diverse cinture in pelle adatte per tutti i gusti e tutte le occasioni.


--- Seguici su Facebook e Twitter ---

martedì 9 dicembre 2014

Tre motivi per cui bisogna scegliere una cintura in pelle

Tre cinture in pelle de "il Kuoio"
Cinture in pelle de "il Kuoio"
Perché scegliere una cintura in pelle a discapito di un'altra di diverso materiale? Cosa ha in più? Qual è il suo valore aggiunto? Noi vi diamo tre motivi per cui è meglio che scegliate una cintura in pelle:

Tre motivi per cui è meglio scegliere una cintura in pelle

Resistenza: Le cinture in pelle durano per molti mesi e potete usarli tranquillamente anche ogni giorno poiché la pelle è un materiale resistente.

Tendenza: Difficilmente la cintura in pelle passa di moda. Fa tendenza, da sempre e non correreste il rischio di doverla metterla da parte se la moda dovesse indirizzarsi verso un altro prodotto.

Adatto a tutti gli ambienti: Elegante, sportivo, casual...La cintura in pelle va bene per tutti gli ambienti e in tutte le occasioni a causa della sua versatilità.


Volete una cintura in pelle di ottima qualità? Non vi resta che recarvi in uno dei tanti rivenditori in Italia del brand "il Kuoio", che si occupa di pelletteria fin dal 1979.


--- Seguici su Facebook e Twitter ---

martedì 2 dicembre 2014

Quando scegliere una borsa in pelle: alcuni consigli utili

Borsa in pelle, ecco come sceglierla
Quando scegliere una borsa in pelle
Borsa a mano, borsa a tracolla o borsa in spalla? Qual è la borsa in pelle che più si adatta al vostro stile? Quale vi sta meglio? Quali sono le linee guida secondo cui è meglio comprare un certo tipo di borsa e non un altro? Ecco i nostri consigli e le risposte a tutte queste domande:

Come scegliere una borsa in pelle: le tipologie

Fra i tre tipi di borse in pelle (a spalla, a tracolla ed a mano) ci sono delle differenze inerenti soprattutto alla comodità d'uso. La borsa in spalla può essere utilizzata sia di giorno che di notte perché è adatta in diverse situazioni. La borsa a tracolla, invece, viene scelta per la sua comodità e può essere usata per lo shopping e per recarsi al lavoro mentre quella a mano, pur non essendo molto pratica, sono perfette per ambienti chic ed eleganti.

Quando scegliere una borsa in pelle in rapporto al vostro corpo

Siete alte e slanciate oppure siete nella media? Sappiate che per scegliere una borsa dovete considerare la vostra corporatura. Per la prima tipologia di donne, è meglio una borsa larga e tondeggiante mentre se siete meno alte ma formose dovete preferire una borsa lunga e squadrata. Inoltre, se siete di corporatura piccola è meglio non acquistare borse grandi. In caso di fianchi larghi, evitare le borse a tracolla

Se volete qualche consiglio al riguardo, non esitate a recarvi presso uno dei punti vendita, situati in tutta Italia, del marchio "il Kuoio", rivenditore ufficiale di "Ogon Designs", dove potrete trovare qualsiasi tipo di borsa che desideriate!


--- Seguici su Facebook e Twitter ---

martedì 25 novembre 2014

Come riconoscere un prodotto Made in Italy

Borsa in pelle dl brand il Kuoio prodotta nel nostro paese
Una delle borse in pelle del Kuoio prodotte in Italia
Sapevate che non basta avere aver ideato il design nel nostro paese affinché un prodotto possa definirsi Made in Italy (terzo marchio al mondo per notorietà)?
È un processo molto più laborioso e sicuramente molto accurato. Ma, precisamente, quali sono le caratteristiche affinché un prodotto possa essere definito rigorosamente Made in Italy?

Le 5 caratteristiche di un prodotto Made in Italy


  1. Fabbricato interamente in Italia. No, non vale che il grafico venga fatto in Italia mentre la manodopera viene effettuata all’estero. Tutto deve essere all’interno dei confini italiani
  2. I semilavorati devono essere italiani. Un semilavorato è quel tipo di prodotto che ha bisogno di ulteriori modifiche per poter esser messo in commercio. Ebbene, in soldoni: i materiali devono essere di origine nostrana
  3. Materiali di qualità e di prima scelta. In pratica, niente scarti di lavorazione: devono superare certi standard.  
  4. Disegni e progettazione. Devono essere esclusivi dell'azienda e non copiati da altri
  5. Lavorazioni artigianali tradizionali devono essere quelle tipiche italiane


Non a caso, noi de “il Kuoio” - rivenditori ufficiali, fra l’altro, del marchio “Ogon” - seguiamo rigorosamente queste regole nella nostra lavorazione per quanto concerne la pelletteria. Potrete acquistare i nostri prodotti presso i nostri punti vendita presenti in (quasi) tutta Italia.

--- Seguici su Facebook e Twitter ---

martedì 18 novembre 2014

Portacarte di credito anti-truffe targato Ogon

Il porta carta di credito contactless che evita le truffe
Immagine del porta carte di credito antitruffa
Avete una carta di credito contactless (cioè dotate di un chip che permette di pagare senza neanche dover strisciare la carta)?
Non abbiate paura, perché Ogon ha la soluzione per voi.

Come scrive "il Corriere della Sera" sul suo sito web, le carte contactless "sono ancora molto vulnerabili: senza neanche dover essere connessi a Internet un cybercriminale, con un banale dispositivo, a meno di un metro da noi, può intercettare la carta e rubarci i dati in essa contenuti".



Il logo di Ogon Designs
Il logo di Ogon Designs
Proprio per evitare questo, Ogon ha ideato un portacarte di credito anti-truffe: in cosa consiste? Molto semplice: sono state progettate utilizzando l'effetto gabbia di Faraday, cioè  permette di isolare tutto ciò che vi è al suo interno da un qualunque campo elettrostatico presente all'esterno, indipendentemente dalla sua intensità.



Non sapete dove acquistarne uno? "Il Kuoio" è rivenditore ufficiale in Italia di Ogon Designs e potrete comprarlo presso uno dei punti vendita situati in tutta Italia: da Nord a Sud.


Se volete capire nel concreto di cosa si tratta, vi rimandiamo al breve video di seguito:



--- Seguici su Facebook e Twitter ---

martedì 11 novembre 2014

Come pulire le borse in pelle: cinque regole da seguire

come puliare una borsa in pelle vintage come questa in foto
Una borsa in pelle vintage del brand "il Kuoio"
Avete una borsa in pelle da diverso tempo e non sapete come pulirla? Premesso che un prodotto del genere abbia bisogno di una cura quasi giornaliera, vi basterà seguire le cinque regole che vi elenchiamo di seguito affinché la vostra borsa in pelle possa tornare come nuova. O quasi.


Le 5 regole per pulire una borsa in pelle

  1. Non usare mai l'acqua: Spesso, per pulire una borsa in pelle si usa l'acqua. Nulla di più sbagliato. Se doveste usare l'acqua, rischiereste di trovarvi un alone scuro difficile da eliminare.
  2. Usare prodotti antimacchia: Sono dei prodotti in commercio ad hoc per togliere le macchie che possono verificarsi su una borsa.
  3. Usare uno straccio di cotone pulito imbevuto di latte vaccino: Dovrete passare lo straccio delicatamente sulla superficie o direttamente sulla macchia. Dopo aver fatto ciò, dovete aspettare che si asciughi e poi passare un panno asciutto sulla parte appena pulita.
  4. Usare un batuffolo di ovatta impregnato nel latte detergente: In questo vi basterà semplicemente strofinare il tutto in maniera delicata sulla macchia.
  5. Usare una gomma o spugnetta apposita: Disponibile nei vari supermercati, si tratta della gomma usata per togliere le macchie sui muri da passare in maniera delicata sulle parti interessate.


Non avete una borsa in pelle ma desiderate possederla? Date un'occhiata alla collezione del brand "il Kuoio" - rivenditore del marchio internazionale Ogon Designs - con punti vendita in tutta Italia.


P.S. Si ringrazia Evelynstormworld (il mondo letterario e artistico di Evelyn Storm con l'aggiunta di inserimenti o interviste a letterati, artisti, musicisti ed esponenti della moda) per la citazione del nostro blog.


--- Seguici su Facebook e Twitter ---

giovedì 30 ottobre 2014

Le 5 regole per riconoscere una vera pelle handmade

Come evitare possibili truffe? 
Noi vi diamo dei suggerimenti utili per non essere raggirati. Anche perché riuscire a capire se un prodotto è vera pelle non è affatto semplice.

Come riconoscere una vera pelle
1.      Rivolgersi ad un marchio affidabile: È la prima regola. Un brand attendibile è sinonimo di garanzia. Soprattutto se ha una storia più che decennale alle spalle. Come per esempio “Il Kuoio”, azienda che si occupa di pelletteria handmade dal 1979 a Casoria, nel napoletano, con rivenditori in tutta Italia.

2.      Odore particolare: Sì, la pelle non ha un odore qualunque. È inconfondibile, particolare e unico. Se invece dovesse essere falsa, non emetterà nessun odore o un sentore di plastica. Parecchie persone pensano esattamente l’opposto: se non emette odore, il prodotto è “veritiero”. Ma non è così.
Contenitore per tablet di pelle handmade de "il Kuoio"
Uno dei prodotti in pelle handmade de "il Kuoio"
      
      3.    Colore non omogeneo: Un altro errore che si commette spesso. Se il prodotto non dovesse avere un colore omogeneo, si pensa che abbia un difetto di fabbricazione. In realtà, anche questa opinione comune è falsa. Avete una borsa che presenta ombre di chiaro scuro e tonalità? Allora siete sicuri di non essere stati raggirati. Perché la vera pelle made in Italy non presenta mai un colore senza alcun variazione lungo tutto il prodotto.

4.      La prova dell’accendino: In cosa consiste? Semplice: passate la fiamma di un accendino (per pochissimi secondi) sulla borsa. Il risultato? Nessuno, nel senso che la vera pelle non subirà alcun danneggiamento. Un prodotto di plastica, invece…

5.      Il prezzo: Qui, probabilmente, c’è il tasto dolente. Un borsa in pelle non potrà mai costare 10€. Mai. In nessun caso. E se doveste trovare un rivenditore che vuole vendervela spacciandola per vera pelle , sappiate che sta provando a fregarvi. Una borsa in pelle ha un costo ben superiore a 10€. Del resto, la qualità va pagata…

Come potete notare, sono piccoli accorgimenti a cui dovete prestare attenzione. E, nel caso non abbiate tempo o voglia di fare delle prove, vi basta seguire la prima regola che abbiamo menzionato. Noi il nome ve l’abbiamo fatto...

--- Seguici su Facebook e Twitter ---